Londra in 3 giorni

E’ la vostra prima volta a Londra? Avete poco tempo e desiderate vedere i luoghi più famosi, i simboli della città, gli imperdibili? Beh allora questo articolo fa per voi. Ho preparato un itinerario su 3 giorni che tocca molte delle principali attrazioni e vi permettera’ di esplorare quartieri interessanti della capitale. Immagino vi sarete già sentiti dire che Londra non si riesce a conoscere in 3 giorni, e questo è assolutamente vero; ma seguendo questo itinerario vi farete una buona idea di cosa offre questa meravigliosa metropoli.

Quindi vi consiglio di indossare scarpe molto comode, munirvi di una giacca antipioggia e partire alla scoperta di questa straordinaria città!  

Primo Giorno

Cominciamo il nostro tour da Buckingham Palace (stazione metro più vicine Victoria Station o Green Park).

L’imponente edificio e’ uno dei Palazzi Reali appartenenti alla Corona inglese. Se, sostando di fronte all’austera facciata, vi chiederete se la Regina e’ a Palazzo, vi consiglio di dare un’occhiata alle bandiere issate in cima all’edificio; se sono due (la Union Jack e lo Stendardo Reale ) allora significa che la Regina si trova a Buckingham Palace. Ma non accade di frequente.  Infatti Elisabetta II raramente risiede qui, in quanto trascorre la maggior parte del suo tempo a Windsor, la sua residenza favorita e quella che lei considera la sua “casa”. 

Buckingham Palace e’ visitabile internamente solo alcuni mesi all’anno (in estate) e solo alcune stanze sono aperte al pubblico. Sembra pero’ che il Principe Carlo abbia intenzione, una volta diventato Re, di aprire le porte del Palazzo su piu ampia scala, trasformandolo in un vero e proprio museo.

Trafalgar Square e la National Gallery 

Dal palazzo potete prendere il sentiero che attraversa St. James Park o percorrere l’imponente viale chiamato The Mall e con una piacevole passeggiata di pochi minuti arriverete a Trafalgar Square.

Questa e’ una delle piazza piu famose di Londra, con la fontana, i famosi leoni e la Colonna dedicata all’Ammiraglio Nelson.  La piazza e’ dominata dalla monumentale facciata della National Gallery. Per gli amanti della pittura questo museo e’ un paradiso, ma poichè in questa occasione il tempo e’ poco, dovrete focalizzarvi su poche sale. La sale degli Impressionisti e il Rinascimento Italiano sono tra quelle imperdibili. Uno dei miei dipinti favoriti tuttavia si trova nella room 34 e si tratta del  bellissimo ritratto, a misura quasi reale, di Whistlejacket: un purosangue appartenuto al Marchese di Rockingham e immortalato dal pittore inglese George Stubb. 

La visita al Museo e’ gratuita ma si puo’ contribuire al  mantenimento della struttura attraverso una libera donazione,  sostando in uno dei suoi café o acquistando negli shop (dove troverete prodotti esclusivi e piuttosto interessanti, decisamente meglio dei negozi di souvenir delle zone turistiche della citta’). 

Se nel frattempo vi e’ venuto appetito, potete fare un salto nella cripta di St Martin in the Fields. Esatto, avete capito bene… vi sto suggerendo di andare a pranzare in una cripta! Ma non sono impazzita. Qui infatti e’ stato allestito un ampio self-service che offre semplici e sostanziosi piatti della cucina inglese (a prezzi piu’ che onesti per il centro di Londra). L’atmosfera e’ davvero particolare e di solito e’ piuttosto affollato. A mio parere un’esperienza divertente e particolare.

Westminster e il Big Ben

Da Trafalgar Square si imbocca Whitehall/Parliament Street  lungo la quale sara’ possible intravedere sulla destra il famoso n 10 di Downing Street (casa del Primo Ministro inglese): la riconoscerete per le guardie armate che sostano sempre li’ davanti. Non aspettatevi di vedere molto pero’; poiche’ per motivi di sicurezza dovrete rimanere lontani dall’edificio, la vista della famosa porta nera e’ piuttosto limitata. 

Da qui in pochi minuti raggiungerete Parliament Square da dove si possono ammirare in tutta la loro maestosita’ tre tra gli edifice piu’ noti e impressionanti di Londra:Westminster AbbeyThe House of Parliament ed il Big Ben

L’Abbazia e’ uno dei piu’ important edifici religiosi del Regno Unito e qui, per tradizione, si svolgono le incoronazioni dei monarchi britannici. 

Il Parlamento Inglese e’ il centro della politica del Paese e l’Elizabeth Tower (conosciuta universalmente come Big Ben) e’ uno dei piu’ conosciuti simboli di Londra nel Mondo.

Al momento tuttavia tutta l’area e’ sottoposta a importanti lavori di restauro che proseguiranno per almeno altri due anni.  Quindi almeno per un po’ di tempo, foto ricordo con impalcature 😉!

Southbank, London Eye e St. Paul Cathedral

Attraversando il ponte di Westminster si raggiunge Southbank una zona di Londra che negli ultimi anni si e’ trasformata, e dove si trova il famoso London Eye (la ruota panoramica) da cui si gode una splendida vista su Londra. Se desiderate salirci (un giro complete dura circa mezz’ora e il costo e’ di circa 25 sterline) consiglio di prenotare in anticipo i biglietti, per evitare le immancabili e spesso interminabili file.  

Proseguendo la passeggiata lungo la riva sud del Tamigi, vi troverete sulla destra la Tate Gallery, uno dei piu’ noti musei al mondo di Arte Contemporanea. Questo ex edificio industriale (era in passato una Power Station)  gia’ da solo merita la visita, essendo frutto di una intelligente ed interessante ristrutturazione. Salite all’ultimo piano per ammirare una splendida vista di Londra. L’ingresso, come in molti altri musei di Londra, e’ gratuito.

Usciti dal Museo, proprio di fronte alla Tate, imboccate il ponte pedonale chiamato Millennium Bridge,  che vi fara’ sbucare di fronte  ad un’altra icona di Londra: St Paul Cathedral. Cattedrale anglicana sede del vescovo di Londra, e’ uno dei piu’ riconoscibili simboli della City e la sua cupola domina lo skyline di Londra da oltre 300 anni. L’attuale edificio e’ opera del famosissimo Sir Christopher Wren (che la ricostrui’ dopo i danni del grande incendio del 1666).

Tower of London e Tower Bridge

Ed eccoci finalmente all’ultima tappa di oggi. 

Non importa quante volte si e’ gia’ stati a Londra, la vista della Torre di Londra e del Tower Bridge al tramonto lascia sempre senza fiato.

La Tower of London risalente all’undicesimo secolo ha svolto un ruolo di primo piano nella storia inglese. È stata assediata più volte e il suo controllo è stato cruciale per il controllo dell’intero Paese. La Torre e’ servita  nel corso dei secoli come armeria, sala del tesoro,  serraglio, Zecca di Stato, ufficio pubblico e casa dei Gioielli della Corona.

Molto piu’ recente ma altrettanto famoso e’ il Tower Bridge costruito alla fine del 1800. 

Ora vi meritate un po’ di riposo magari sorseggiando una birra e mangiando qualcosa nei tanti locali che si affacciano sul fiume.  

Secondo giorno

La zona dello shopping, Covent Garden e Soho 

Ieri e’ stata una giornata molto impegnativa, avete visto molti monumenti e avete camminato tanto. 

Oggi ci dedicheremo in maniera un pò piu rilassata alle zone dello shopping e ad un paio di quartieri caratteristici nel cuore di Londra. 

Dirigetevi verso Regent Street (Piccadilly Circus o Oxford Circus tube station). Questa e’ una delle zone piu’ importanti dello shopping a Londra e qui troverete concept store dei brand piu noti; ma Regent Street non e’ solo shopping. Non dimenticatevi di alzare gli occhi dalle vetrine ed ammirare l’eleganza architettonica di questa strada con gli splendidi palazzi che la costeggiano. Fate un salto in uno dei piu inteerssanti department store di Londra: Liberty (si trova proprio dietro la fermata di Oxford Circus). L’impressionante edificio tudor vale gia’ la visita di per sè, inoltre avrete l’occasione di rifarvi gli occhi percorrendo i suoi 5 piani ricolmi di prodotti di lusso e design ricercato.

Usciti da Liberty, potete poi addentrarvi nelle pittoresche stradine di Soho. Soho e’ da sempre sinonimo di trasgressione ed e’ tradizionalmente centro della scena LGBT di Londra. Ne è simbolo  la famosa Carnaby street,  piena di negozi trendy. 

Il quartiere mantiene la sua nomea di quartiere audace grazie ad una alta concentrazione di sexy shop ed una vita notturna piuttosto movimentata. E’ anche sede di uno strabiliante numero di locali e ristorantini per tutte le tasche. Se sentite nostalgia di sapori italiani fate un salto da Lina Store, storica gastronomia italiana; oppure dirigetevi verso la sede londinese di Princi (panificio-gastronomia-pizzeria molto noto ai milanesi).  

Proseguendo verso est, puntate verso Covent Garden, una delle mie zone preferite di Londra. Pur essendo estremamente turistica rimane un  luogo accogliente e caratteristico. Il centro di Covent Garden e’ rappresentato dal mercato coperto, risalente al diciannovesimo secolo, e dalla piazza, la prima ad essere costruita a Londra nel 1631, progettata dal famoso Indigo Jones. 

Il quartiere offre un interessante mix di boutique esclusive, negozi trendy, artigianato e prodotti vintage. Percorrete le stradine attorno e Seven Dials e inoltratevi nel delizioso Neal’s Yard, un angolo di Londra dove… non vi sembrerà di essere a Londra!

In questa zone c’e una grande varieta’ di locali nei quali potrete fermarvi a gustare un buon afternoon tea. Personalmente amo fermarmi alla brasserie Max, in un ambiente dal décor originale viene servito un afternoon tea di qualita’ ad un prezzo ragionevole. Qui potrete ordinare anche l’afternoon tea nella variante “gentlemen”.   

Covent Garden e’ anche la zona dei teatri, potreste quindi concludere la serata godendovi uno dei tanti spettacoli e musical disponibili in ogni stagione.  

Terzo Giorno

I parchi

Se il tempo ve lo permettera’ cercate di visitare uno dei bellissimi parchi di Londra. I parchi di questa citta’ sono curatissimi e belli in tutte le stagioni: il vasto Hide Park; i centralissimi St James park e Green Park ;  il sofisticato Regent’s Park o i meno scontati Hampstead, Battersea park, Hollande Park. Solo per citarne alcuni…

Se siete a Londra tra fine Maggio e inizio giugno non perdetevi il Queens Mary Garden all’interno di Regents Park. Qui troverete la più grande collezione di rose di Londra con circa 12.000 rose e 85 tipologie diverse. Vi posso garantire che e’ uno spettacolo meraviglioso. 

I musei

Nel pomeriggio potete spostarvi nell’elegante quartiere dei musei: South Kensington. Qui avrete solo l’imbarazzo della scelta: il National History Museum (il preferito dai bambini), il Victoria and Albert Museum oppure lo Science Museum. Qualsiasi opzione sceglierete non ne rimarrete delusi. 

V&A museum fu donato ai londinesi dal principe Alberto dopo la grande esposizione universale del 1851 e’ un vasto straordinario museo dedicato alle arti decorative ed al design. Comprende 4 milioni di oggetti raccolti in tutto il mondo.

Il National History Museum e’ ospitato in uno degli edifici più belli di Londra. Vanta una collezione interessante e si viene accolti in maniera spettacolare dall’enorme scheletro di una balenottera azzurra). 

Il Science Museum approfondisce gli argomenti più disparati. Auto d’epoca, vecchi treni, elettrodomestici, astronauti, una galleria del vento ed un simulatore di volo sono solo alcuni delle attrazioni.

Ma mi raccomando, non pensate di vedere questi musei tutti in una giornata, sono enormi e meritano di essere visitati almeno 2/3 ore ciascuno (il minimo per avere un’idea di massima di cosa contengono).  Scegliete quello che vi ispira di più e rimandate il resto al prossimo viaggio.

Dal quartiere dei Musei con una passeggiata di circa un quarto d’ora potrete arrivare ai famosi, ma a mio parere eccessivamente opulenti, magazzini Harrods

Se siete affamati, nella zona di South Kensington potete fermarvi a mangiare un boccone da Muriel’s Kitchen; un ristorante indipendente che propone piatti della cucina ingelse, con un tocco moderno, in un ambiente estremamente amichevole.

Eccoci giunti alla fine dei nostri 3 giorni, spero che abbiate gradito il tour.  Ovviamente ci sarebbero ancora tante altre cose da vedere e visitare. Ma potete sempre organizzare un secondo viaggio, no?  Alla prossima allora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *